Briciole di romanità
Pubblicato Martedì 03 Agosto 2010 18:14

RICETTE IN RIMA di Aldo Fabrizi:

 

"Pasta alla capricciosella"

 

Provate a fa' 'sto sugo, ch'è un poema:

piselli freschi, oppure surgelati,

calamaretti, funghi "cortivati",

così magnate senz'avé patema.

 

Pe' fa' li calamari c'è un sistema:

se metteno a pezzetti martajati

nell'ajo e l'ojo e bene rosolati,

so' teneri che pareno 'na crema.

 

Appresso svaporate un po' de vino;

poi pommidoro, funghi e pisellini

insaporiti cor peperoncino.

 

Formaggio gnente, a la maniera antica,

fatece bavettine o spaghettini...

Bòn appetito e Dio ve benedica!

 

 

"Magnà e dormì"

So' du' vizietti, me diceva nonno,

che mai nessuno te li pò levà,

perché so' necessari pe' campà

sin dar momento che venimo ar monno.

 

Er primo vizio provoca er seconno:

er sonno mette fame e fà magnà,

doppo magnato t'aripija sonno

poi t'arzi, magni e torni a riposà.

 

Insomma, la magnata e la dormita,

massimamente in una certa età,

so' l'uniche du' gioje de la vita.

 

La sola differenza è questa qui:

che pure si ciài sonno pòi magnà,

ma si ciài fame mica pòi dormì.

   

La dieta

Doppo che ho rinnegato Pasta e pane,

so' dieci giorni che nun calo, eppure

resisto, soffro e seguito le cure...

me pare un anno e so' du' settimane.

 

Nemmanco dormo più, le notti sane,

pe' damme er conciabbocca a le torture,

le passo a immaginà le svojature

co' la lingua de fòra come un cane.

 

Ma vale poi la pena de soffrì

lontano da 'na tavola e 'na sedia

pensanno che se deve da morì?

 

Nun è pe' fà er fanatico romano;

però de fronte a 'sto campà d'inedia,

mejo morì co' la forchetta in mano!

 

Leggiamo la morale che ci tramanda il più classico poeta romanesco, Trilussa:

"La Violetta e la Farfalla"


Una vorta, ‘na Farfalla

mezza nera e mezza gialla,

se posò su la Viola

senza manco salutalla,

senza dije ‘na parola.

La Viola, dispiacente

d’esse tanto trascurata,

je lo disse chiaramente:

- Quanto sei maleducata!

M’hai pijato gnente gnente

Per un piede d’insalata? 

Io so’ er fiore più grazzioso,

più odoroso de ‘sto monno,

so’ ciumaca e nun ce poso,

so’ carina e m’annisconno.

Nun m’importa de ‘sta accanto

a l’ortica e a la cicoria:

nun me preme, io nun ciò boria:

so’ modesta e me ne vanto!

Se so’ fresca, per un sòrdo

vado in mano a le signore;

appassita, so’ un ricordo;

secca, curo er raffreddore…

Prima o poi so’ sempre quella,

sempre bella, sempre bona:

piacio all’ommini e a le donne,

a qualunque sia persona.

Tu, d’artronne, sei ‘na bestia,

nun capischi certe cose… -

La Farfalla j’arispose:

- Accidenti, che modestia!