La satira politico-sociale di Trilussa
Pubblicato Sabato 18 Settembre 2010 19:25

 

Carlo Alberto Salustri (Roma, 1871-1950), conosciuto meglio con lo pseudonimo del suo cognome anagrammato, Trilussa, ci ha tramandato una sottile satira politico-sociale in stretto dialetto romanesco, di cui riportiamo alcuni esempi…

 

 

 

 

 

 

Er Gallo e er Cane

Prima che spunti er sole

la mattina abbonora, quanno er celo

arissomija un tantinello ar mare,

quanno che l'aria pare

ch'odori de viole,

er Gallo arza la testa,

sgrulla la cresta e fa: chicchirichì.

Una matina, un Cane, ner sentì

l'aritornello solito, je disse:

Zitto! chè se er padrone te sentisse

te tirerebbe er collo! Nu' lo sai

ch'er mi' padrone è un omo ricco assai?

Nun ha bisogno mica

d'arzasse accusì presto, capirai:

È tanto stracco! È stato co' l'amica!...

Io - fece er Gallo - canto solamente

pe' svejà chi lavora, chi fatica,

chi se guadagna er pane onestamente.

Lo vedi er campagnolo,

er vignarolo, l'ortolano? Stanno

già in piedi e se ne vanno

tutti contenti a lavorà in campagna:

se questi qui nun s'arzeno, er padrone

co' tutti li quatrini mica magna!

Io canto espressamente, e Dio ne guardi

se 'sta povera gente

se svejasse più tardi!

Ahó? Nun me fa' tanto er socialista,

je disse er Cane - intanto nun m'incanti:

nun m'hai da di' che canti cór pretesto

de svejà chi fatica e chi lavora;

piuttosto di' così: - Canto abbonora

perché la sera vado a letto presto!

 

Er Rospo e la Gallina

Un Rospo, ner sentì che 'na Gallina

cantava come un'anima addannata,

je domannò: - Ched'è che strilli tanto?

Ho fatto un ovo fresco de giornata:

rispose la Gallina - apposta canto.

Fai male, - disse er Rospo - male assai!

Tu lavori pe' l'ommini, ma loro

come t'aricompenseno el lavoro?

Te tireranno er collo

com'hanno fatto ar pollo, lo vedrai.

Nun te fidà de 'sta canaja infame

che t'ha cotto er marito ne la pila

e un fijo ner tegame!

Nun te fidà de 'sta gentaccia ingrata

che te se pija l'ova che je dài

pe' facce la frittata!...

Pianta 'sti sfruttatori e impara a vive!

Se loro vônno l'ova de giornata

nu' je dà retta: fajele stantive!

 

La Gallina lavoratora

Una Gallina disse ar Pappagallo:

Tu forse parlerai senza rifrette,

ma oggigiorno la bestia che sa mette

quattro parole assieme sta a cavallo:

t'abbasta d'aprì bocca e daje fiato

pe' mette sottosopra er vicinato.

 

Io, invece, che je caccio un ovo ar giorno,

e Dio sa co' che sforzo personale,

io che tengo de dietro un capitale

nun ciò nessuno che me venga intorno,

nessuno che m'apprezza e che me loda

la mercanzia che m'esce da la coda!

 

Fra poco, già lo sento, farò un ovo:

ma visto che 'sto popolo de matti

preferisce le chiacchiere a li fatti,

je lo vojo scoccià mentre lo covo...

Anzi, pe' fa' le cose co' giudizzio,

lo tengo in corpo e...chiudo l'esercizzio!

La Statistica

Sai ched'è la statistica? È na' cosa

che serve pe fà un conto in generale

de la gente che nasce, che sta male,

che more, che va in carcere e che spósa.

Ma pè me la statistica curiosa

è dove c'entra la percentuale,

pè via che, lì, la media è sempre eguale

puro co' la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno

seconno le statistiche d'adesso

risurta che te tocca un pollo all'anno:

e, se nun entra nelle spese tue,

t'entra ne la statistica lo stesso

perch'è c'è un antro che ne magna due.