Logo ARDAF

Rime burocratiche - Memorie di un ispettore agrario
Pubblicato Mercoledì 08 Settembre 2010 15:33

 

Molto volentieri pubblichiamo due brani poetici del collega Camillo Mancini, da sempre consigliere dell'Associazione e per tanti anni dirigente l'Ufficio assistenza tecnica dell'Ispettorato provinciale agricoltura di Roma.

I brani sono stati dati alle stampe dall'autore per i colleghi e gli amici nel volumetto “Rime burocratiche - memorie di un ispettore agrario" nell'anno 2003. Essi fanno parte di appunti e composizioni varie che il nostro bravo collega ed amico aveva composto nel corso del suo mandato e successivamente recuperato e raccolto.

Infatti, ne “L’Ispettorato all’amico agricoltore” l'autore va incontro agli agricoli romani (donde il romanesco) disorientati dalla nuova denominazione data al suo ufficio dalla Regione Lazio. E li invita a contattarlo non soltanto per avere dalle istituzioni contributi ed altre provvidenze di sostegno, ma anche orientamenti, indicazioni e consigli utili alla loro attività.

L’Ispettorato all’amico agricoltore 1

Agricoltore mio so’ preoccupato

che quanno arivi qua da la campagna

nun ce trovi più scritto Ispettorato

ma n’antro nome, strano e complicato.


E, mezzo ‘ntontonito de cecagna

perché a le quattro e mezza te sei arzato

pe’ poco nun riggiri le carcagna

credennote da essete sbajato

de porta, o che per scommodo o micragna

er padrone de casa m’ha sfrattato.


E sbotti: “n’accidempoli a chi è stato

a mannà via de qua l’Ispettorato.”

“Mo’ chi ce dice ‘ndo’ potemo pijà

n’antro sussidio pe le avversità?”


Nissuno te risponne, ‘che da ieri

m’hanno lassato pure senza usceri!

Ma nun te la pijà, nun fa la lagna,

si aspetti qualcheduno te accompagna.


Guarda li foji ar muro appiccicati2:

si ciai la vista bona o un cannocchiale

sbologni che c’è scritto: e “meno male –

poi dì – dunque ecco qua: semo arivati.”


È vero. Ma ‘sta storia è l’occasione

pe’ fatte fa ‘na breve riflessione:

si venghi qua pe’ sòrdi solamente

la colpa nun è tua…, ma fa attenzione:

tu’ nonno ce veniva co’ la mente

de rimediacce solo un buon consijio

che, je davo sincero, comm’a ‘n fjio.


Eppure bada ch’ero più d’aiuto

a lui che a te che cerchi er contributo.

Ma mo’ sippure ‘sta burocrazzia

me pija troppa de la vita mia

ancora m’arricordo un po’ er mestiere

che me te fece amico e consijere.

Perciò stamme a sentì: ne l’occasione

nun hai sbajato porta, ma intenzione…

 

Doppodeché te meriti lo sfizzio

de sapé chi mme vo’ ribattezzato

doppo tant’anni che faccio servizzio:

er nome me lo cambia la Reggione

che, ‘ncaponita a cancellà er passato,

finisce pe’ aumentà la confusione

e me chiama “Settore Decentrato”!


________________

1 Dopo che con la Regione l’Ufficio ha cambiato nome.

2 Fogli scritti a macchina con i nomi dei funzionari e dei relativi servizi.

 

 

Ne “Alla Vacca Maremmana, per la sua prima Mostra nazionale”, l’autore, nelle vesti di un “buttero istruito”, delinea, in un romanesco soffuso di garbata ironia, le problematiche involgenti il futuro dell'antica e prestigiosa razza bovina, da anni in via di estinzione. E, evidenziandone le peculiari doti di rusticità e adattamento alle più ardue condizioni ambientali, esorta gli allevatori operanti nella "montagna tolfetana" a conservarla in purezza.

Alla Vacca Maremmana, per la sua prima mostra nazionale 1

Che je famo a 'sta vacca maremmana

che qua a Campo La Nocchia radunata

da le terre del Lazio e de Toscana

‘ntramezz’a ‘sta montagna tolfetana

vo fa’ vede chi è, si sta all’altezza

de ‘na razza bovina ricercata

mostrannose a un concorso de bellezza?


La lassamo campà pe’ ‘ste contrade

de sole e d’aria e quanno de buriana

e al bon bisogno de du’ pizzicate

de paja ne le feste comannate,

o je ammollamo un marito francese

de rinomata razza sciarolese

speranno che a ‘sta vacca nu je impiccia

de fa un vitello co’ un po’ più de ciccia?


C’è pure chi ce avrebbe fantasia

de sbolognalla, de caccialla via,

e rimpiazzalla co’ la Bruna alpina

oppure de incrocialla a la Chianina;

peggio ancora, cor toro piemontese

che qua nin fa rifà manco le spese!


Ma me sa che chi penza in ‘sta maniera

forse nun ha capito la questione

pe’ ccui ‘sta razza dicono che c’era

prima ancora dell’ommini locali

gajarda e forte come li cinghiali.


Le vacche che so’ in mostra qua stasera

nun se so’ preparate all’occasione,

ma so’ sincere come in confessione:

tutt’uno co’ li greppi e la bufera.

Perciò si c’è quarcuno che je piaccia

de provà a mijorà la selezione

se ricordi de nun perde la traccia…

E quest’è già ‘na prima conclusione.


Eppoi ve dico certo in ‘sto momento:

‘sta vacca, qua, è come un monumento

‘n ‘un fantastico ambiente naturale;

e inzieme emblema quasi universale,

pe’ quer sopracapoccia eccezzionale,

porta fortuna e nobbile commento

de quanno la vicenda coniugale

incespica pe’ via d’un tradimento…


Dunque ‘sta vacca è de razza speciale!

Fateje onore, nun je fate male!

Si qua nun la tenete, e in razza pura,

finite a fa’ violenza a la natura!

________________

1 Tolfa, 16-17 maggio 1980. Commenti ed esortazioni di un buttero istruito.