Logo ARDAF

Pillola 8. Cibo e coronavirus, paure senza motivo.
Pubblicato Giovedì 02 Aprile 2020 16:17

L’opinione pubblica è preoccupata ed allarmata e tra le paure più diffuse vi è la possibilità di entrare accidentalmente in contatto con il virus.

Uno degli elementi che maneggiamo quotidianamente è il cibo ed è importante diffondere le informazioni delle massime autorità in materia sulla possibile relazione tra cibo e coronavirus.

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) afferma che non ci sono prove che il coronavirus possa essere trasmesso dal cibo. “Le esperienze fatte con precedenti focolai epidemici, riconducibili ai coronavirus, evidenziano che non si è verificata trasmissione tramite il consumo di cibi».

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC) sostiene che sia «improbabile che gli alimenti siano una fonte di trasmissione del virus».
Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta che al momento non ci sono evidenze della trasmissione del coronavirus attraverso il cibo ma ha reso disponibili una serie di raccomandazioni precauzionali, come lavarsi sempre le mani prima di cucinare e dopo aver toccato cibi crudi, evitare il consumo di alimenti di origine animale crudi e mantenere delle buone norme igieniche durante la manipolazione dei cibi. Norme che dovremmo seguire sempre, al di là dell’emergenza in atto.

Allegati:
Scarica questo file (Pillola 8.JPG)Pillola 8.JPG237 Kb