News dall'Associazione
Utilizzi alternativi del kiwi
Pubblicato Sabato 13 Novembre 2010 22:41

Leggi tutto...Martedì 9 Novembre, alle ore 17.00, presso la sede di Via Livenza n. 6, il Dott. Pasquale Pecora, ha tenuto un’esposizione dal titolo “Utilizzi alternativi del kiwi”. La presentazione ha trattato alcuni aspetti poco conosciuti, ma non meno importanti, dell’utilizzo di questo frutto, quali le proprietà salutari, farmacologiche e cosmetiche. Il Dott. Pecora è un Dottore Agronomo, Presidente dell’“Associazione kiwi Lazio Incontro” e Direttore Tecnico di un qualificato Centro di Ricerche ed Analisi relativo al settore agricolo florovivaistico. Da anni fornisce assistenza agronomica e fitosanitaria ed effettua ricerche mirate sia in campo che in laboratorio. Ha acquisito esperienza e riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale. E’ autore di riferimento di un flusso costante di autorevoli pubblicazioni scientifico-biologiche sull’argomento.

Leggi tutto... Leggi tutto...

In allegato si riporta un riassunto della Relazione presentata dal Dott. Pasquale Pecora.

Allegati:
Leggi tutto...KIWI_Presentazione.doc72 Kb
 
Opportunità di lavoro
Pubblicato Venerdì 12 Novembre 2010 15:10

Riteniamo utile pubblicare sul nostro sito, ogni qualvolta ne veniamo a conoscenza, avvisi relativi a ricerca di personale qualificato nelle discipline agrarie, allegando il bando o l'annuncio degli Enti che selezionano professionisti, con le relative caratteristiche richieste, la località di lavoro, le date di durata dell'incarico e la data di scadenza dell'offerta.

Invitiamo, pertanto i soci a segnalarci ogni opportunità di lavoro di cui vengano a conoscenza.

Allegati:
Leggi tutto...1_TCEO_592_10_PRJ.pdf33 Kb
 
Azienda agricola Casale del Giglio
Pubblicato Venerdì 29 Ottobre 2010 14:45

Leggi tutto...Il 23 ottobre scorso numerosi soci dell’ARDAF hanno fatto visita all’azienda agricola Casale del Giglio, sita nell’Agro Pontino in località Le Ferriere, Comune di Aprilia, a circa 50 km a sud di Roma.

Il proprietario dottor Antonio Santarelli ha accolto il gruppo con molta cordialità e disponibilità, e lo ha guidato nella visita del fondo e della cantina riferendo notizie di carattere tecnico-economiche ed organizzative veramente interessanti. Ha indicato l’ampia varietà di vini che vengono prodotti e commercializzati, come ad esempio il Satrico, lo Chardonnay, il Sauvignon, l’Antinoo, il Merlot, lo Shiraz, l’Aphrodisium e, il prodotto di punta aziendale, Mater Matuta. Ma non si è limitato alla semplice elencazione: durante la tipica colazione generosamente offerta a tutti i partecipanti, ha dato la possibilità di degustarne un buon numero riscuotendo il sincero apprezzamento degli ospiti.

Ai visitatori è stata data anche l’opportunità di venire a conoscenza, con l’ausilio di diapositive, che, accanto alla viticoltura, l’azienda segue da tempo il Progetto archeologico di Satricum, in collaborazione con l’Università di Amsterdam ed i Comuni di Latina, Aprilia e Nettuno. Gli scavi, che vengono eseguiti in appezzamenti dell’azienda ceduti al Progetto, hanno consentito l’individuazione della “Via Sacra”, che conduceva al Tempio della dea Mater Matuta, ed il ritrovamento di un calice in ceramica usato per il vino risalente al V secolo a.C.

Presentazione fotografica

 
Concorso per un Premio relativo a uno studio sui rapporti tra selvicoltura e biodiversità
Pubblicato Mercoledì 20 Ottobre 2010 15:55

Con i fondi messi a disposizione da Biofor Italy s.r.l., spin-off dell’Università degli Studi della Tuscia, l’Accademia Italiana di Scienze Forestali bandisce un concorso a un premio di € 1.500,00 (al lordo dell’imposizione fiscale), destinato a un giovane studioso che abbia realizzato, con contenuti di significativa originalità e innovatività, una tesi di dottorato di ricerca o un articolo pubblicato su una rivista scientifica sui rapporti tra selvicoltura e biodiversità.

Possono concorrere al premio coloro che sono in possesso di diploma di laurea magistrale nella classe 73/LM o di laurea specialistica nella classe 74/S o di laurea quinquennale in Scienze Forestali e Ambientali e che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età al 01.01.2011.

La domanda, redatta in carta semplice e contenente l’autocertificazione (ai sensi dell’art. 46 D.P.R. n. 445/2000) della data di nascita e del titolo di studio e un indirizzo di recapito del partecipante, dovrà pervenire alla segreteria dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali, insieme a una copia cartacea e a una copia in formato elettronico .pdf su CD della pubblicazione o della tesi di dottorato che si intende proporre, entro e non oltre il 31.12.2010.

Il premio sarà assegnato a giudizio insindacabile di una commissione di tre esperti composta da Soci dell’Accademia e sarà consegnato nel corso dell’inaugurazione dell’anno accademico 2011 (Il Presidente dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali -  Prof. Orazio Ciancio).

Firenze, 18 ottobre 2010

Recapiti e link:

ACCADEMIA ITALIANA DI SCIENZE FORESTALI

Piazza Edison, 11 – 50133 Firenze

Tel. 055-570348; Fax 055-575724

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.aisf.it

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 5